L’Arte del Rap (Pt2) : Le 4 Tecniche Jedi del Rapper.

Le 4 tecniche Jedi del Rapper

In questa seconda parte voglio rivelarti i Le 4 tecniche Jedi del Rapper per combattere il lato oscuro. 

Se ti sei perso la prima parte dell’articolo puoi leggerla qui: https://globeats.it/arte-del-rap-pt1/ Potranno sembrarti consigli “strani” ma ad un attento esame ed dopo averli testati ne capirai la concretezza. 

1. MINDSET:

 

Mindset

Innanzitutto affina quella capacità che gli americani conoscono bene e chiamano “Mindset”.


Consiste nel programmare consciamente i propri obiettivi, focalizzandosi su essi e agendo verso l’obiettivo con una forte volontà. Se sei consapevole anche solo di questo ti si apriranno tutte le porte che vorrai.

Ti sei mai chiesto perchè spesso non porti a termini ciò che inizi?

Tranquillo..capita a anche a me. Quando inizio mille progetti diversi non ne porto a termine nemmeno uno. Questo perchè l’energia si disperde in troppe direzioni ma c’è un modo per aggirare questo “bug” mentale.

Dato che la mente non funzione in multi-tasking la soluzione e porsi un solo obbiettivo per volta, e mantere la focalizzazione e la determinazione fino al suo raggiungimento, ti accorgerai fin da subito dei risultati che puoi ottenere.

2. MENTE ALLENATA:

Mente Allenata

La mente è come un muscolo, più lo alleni e più si sviluppa.

Non scrivere mai la tua strofa, ne su carta ne al computer. Mentre la componi, memorizzala mentalmente verso dopo verso. E’ il miglior esercizio per tenere la mente allenata, e per un Rapper la mente, unita al cuore, è tutto. Imparando questa tecnica e memorizzando le strofe mentalmente e NON scrivendole, la tua memoria diventerà più ricettiva in qualsiasi cosa. 

Per farlo ci vuole tempo ed esercizio come ogni cosa ma una volta che avrai interiorizzato questo metodo diventerà naturale usarlo. Eseguendo questo esercizio inizierai presto a scrivere strofe in 20 minuti e l’ispirazione per le rime magicamente arriverà dalla tua memoria Super-Ricettiva che trarrà spunto da tutto ciò che ascolti, guardi e vivi.

Avere una mente allenata significa riuscire a fare freestyle con scioltezza in ogni situazione, ad es:

  • Un ‘ improvviso Black-out durante un live, un buon Mc sa destreggiarsi anche in queste situazioni riuscendo ad intrattennere il pubblico al buio e senza musica.
  • Una serata con microfono aperto o nel parcheggio di un locale.
  • Sciogliere il pubblico prima di un Live e nei tempi morti durante la performance.

3. EQUIPAGGIAMENTO:

microfono rapper

Ogni Jedi ha la sua spada laser, così il Rapper ha il suo equipaggiamento. 

Certo, la “forza” non risiede nella spada, ma in certi casi lo stile dipende anche dal microfono. L’avere tra le mani uno strumento professionale ci infonde talvolta una carica che si trasmette nelle nostre performance. Se ne hai possibilità acquista un microfono professionale (ti consiglio lo Shure sm58), ed abbine cura e rispetto: è attraverso lui che la tua voce, e quindi la tua essenza, arriveranno al pubblico.

4. SCELTA DELLE PRODUZIONI:

basi per rapper

Il 50% del lavoro lo fa il Beat.

Esiste un altro grande principio che distingue un pezzo ben riuscito da un flop e questi consigli, per quanto indispensabili non sono infatti sufficienti. Il 50% del lavoro sporco lo fa il Beat. In Italia c’e ancora chi sottovaluta la figura del Beatmaker ma fortunatamente il vento sta cambiando e molti Mc’s hanno iniziato ha scegliere con cura il Sound per le loro canzoni. Affidati a produttori esperti che creino il giusto tappeto musicale per quello che vuoi comunicare, il risultato è garantito.

Queste sono le 4 tecniche Jedi di un MC, se saprai usarle a tuo vantaggio ti saranno molto utili, che la fotta sia con te!

rapper

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social con i tasti qui sotto, grazie 😉

Globeats

 

Condividere è Swag!

♬ Catalogo Beats

Sei in Cerca di Strumentali Professionali per il Tuo Nuovo Album?
CLICCA QUI!
+ di 123 Beats disponibili!
close-link